10 Cose da Sapere per Andare in Brasile

1) Lingua

In molti pensano che in Brasile si parli spagnolo mentre in Brasile si parla portoghese “brasilianizzato”! E’ molto diverso dallo spagnolo, che per noi sarebbe anche abbastanza comprensibile; il portoghese è piuttosto ostico, soprattutto al primo impatto.

Parole da imparare assolutamente:

  • Obrigado = grazie (con il pollice in su!)
  • Por favor = per favore
  • Quanto custa (questa è quasi uguale)
  • Bom dia = Buongiorno
  • Onde è (o banheiro) = Dov’è il bagno

2) Soldi

Meglio prelevare con bancomat direttamente sul posto, è l’unico modo per avere il cambio esatto (anche in aeroporto appena arrivati)

In città (e nei luoghi turistici) si può pagare dappertutto con bancomat e carta di solito, quindi assicuratevi che le vostre carte siano attive all’estero e fuori dall’Europa

Al bancomat una volta mi è capitato che i soldi non sono usciti e non avevo chiesto la ricevuta, in autogrill, e i soldi mi servivano per pagare il viaggio! Ho dovuto riprovare con un importo minore e me li hanno dati. Poi mi hanno spiegato che succede, sui bancomat “mobili” non lasciano tanti soldi per paura delle rapine! Se vedete l’addebito in conto non vi preoccupate, dopo un paio di giorni ve li riaccreditano.

3) Telefono

Capitolo triste: usando le nostre sim italiane telefonate e sms, per non parlare della connessione dati, sono di solito molto costosi. Potete comprare un “chip” sul posto, costano poco, come qui in Italia. Se invece vi basta la connessione a Internet la offrono un po’ dappertutto free, anche meglio che qui in Italia.

4) Clima

Il Brasile è immenso, ogni regione ha il suo clima, quindi dipende molto da dove andate oltre a quando ci andate. Nel nord est è più facile perché è sempre più o meno estate: meglio se prenotate una stampa con aria condizionata, anche per discorso zanzare… così potete tenere le finestre chiuse.

5) Muoversi

I Brasiliani si spostano in “ônibus” anche anche su medie lunghe distanze: in “Rodoviária” sapendo che:

  • Ogni compagnia copre tratte diverse e/o fermate: informatevi sulla durata ed evitate i “pinga pinga” perché si fermano a ogni paesino!!!
  • I costi variano in base agli orari
  • Meglio sempre prenotare (chiedono un documento)
  • Non fidatevi degli orari online… verificate in stazione

Affittare una macchina se non conoscete per niente il Brasile e il luogo anche no… meglio i taxi (ufficiali) o i topics (piccoli pulmini alternativi ai bus)

Per i lunghi viaggi invece ci sono delle compagnie aeree “low cost”, a volte è difficile prenotare online o impossibile se non avete un CPF (codice fiscale) ma potete andare in agenzia

6) Salute

A meno che non andiate in Amazzonia non servono precauzioni particolari: magari portatevi i soliti farmaci per mal di testa/pancia, e un pò di fermenti. Attenzione che spesso l’acqua del rubinetto non è potabile.

Consiglio a tutti l’assicurazione: la salute pubblica è a dir poco scarsa

Io mi preoccupo di solito di più delle zanzare, se posso darvi un consiglio questo è ottimo:

7) Sicurezza

Nota dolente: sta peggiorando la situazione, città come Natal fino a pochi anni fa erano tranquillissime, ora bisogna fare molta attenzione a muoversi da soli al di fuori delle zone turistiche, anche di giorno

Sembra banale ma lo diciamo lo stesso: evitate di andare in giro con bracciali, catenine, orecchini… di oro, ma anche orologi troppo vistosi. Vestitemi in modo semplice, lasciate a casa le borse, oppure usatene una piccola.

Il passaporto lasciatelo in camera, portatevi dietro solo una copia.

Il denaro e le carte magari spartitele, non portate tutto con voi o lasciate tutto in camera. Se avete carta e soldi metteteli in tasche diverse

Se vi fermano per una rapina dategli quello che chiedono così scappano subito: se fate resistenza non ci pensano 2 volte a spararvi

8) Mangiare

Moqueca
Moqueca

Oltre al famoso churrasco il Brasile, come dappertutto, si mangiano tante altre cose, in base alla zona in cui siete: vi consiglio di provare anche le cose che vendono in strada o in spiaggia, di entrare nei loro ristoranti e non solo in posti turistici che propongono sempre le solite cose a prezzi “da turista”

Dove fanno il PF (prato feito, piatto unico) provatelo

Attenzione a riempire il piatto fino all’orlo nei self service dove vedete scritto “Comida a quilo”, si paga a peso non a piatto…

Attenzione che spesso nel menù ci sono i piatti per 2 persone (che poi sono pure abbondanti e si mangia in 4!)

9) Dove dormire

Se andate in alta stagione (Carnevale, Natale e luglio in genere) è obbligatorio prenotare prima, anche dall’Italia dai soliti portali famosi (Booking etc). Altrimenti è comunque sempre meglio prenotare, ma potete anche andare sul posto e affidarvi a una agenzia. Meglio però che vi facciamo prima un’idea del posto in modo da sapere la zona che preferite. Provate le “Pousade” (B&B)

10) Shopping: chiedete sempre lo sconto!

Se in Italia siamo abituali a chiedere lo sconto forse in spiaggia all’abusivo o al mercato, in Brasile è normale chiedere lo sconto anche quando compri un paio di scarpe o una lavatrice o un sacchetto di anacardi… soprattutto se pachi “a vista”, cioè in contanti.

In spiaggia è abbastanza clamoroso, partono da 30 Reais per un souvenir e arrivano a 5… in negozio meno ma si può sempre trattare un pochino, anzi a volte basta chiedere, dopo che ti hanno detto il prezzo: “e se pago a vista” che ti fanno un 10% di sconto per prassi!

Poi ovvio se comprate “enne” cose nello stesso posto allora la trattativa si può fare molto più interessante (se avete tempo!!!)

Lascia un commento