SOS BAMBINI

Adozione a distanza

6 brasiliani su 10 appartengono alla classe media

Il Brasile è un paese di “classe media”. Sei brasiliani su dieci dai 16 anni in sù appartengono a questo gruppo, secondo Datafolha.

Con 90 milioni di persone, la classe media brasiliana, però, è tutt’altro che omogenea.

Una serie di indicatori di reddito, l’istruzione e la proprietà dei beni di consumo permette la divisione di questa parte della popolazione in 3 gruppi distinti che separano i ricchi dagli esclusi.

Aumentare l’accesso ai beni di conforto, come l’elettronica, computer e automobili, è ciò che più si avvicina alla 3 sfere di classe media brasiliana, che può essere classe media bassa, intermedia e alta.

Dalla misura del  possesso di questi elementi, la popolazione è divisa in classi indicate con lettere.

Il Brasile della classe media è quello che sta riuscendo a sfuggire degli strati D ed E, lasciandosi alle spalle coloro che sono esclusi, ma è c’è ancora quasi nessuna presenza in classe A.

Reddito percepito, risultato della crescita economica e politiche di distribuzione del reddito, e un maggiore accesso al credito hanno contribuito a questa tendenza.

“L’aumento del reddito, che sembra basso per l’elite, ha rappresentato una rivoluzione per le classi più povere”, dice l’economista Marcelo Neri della FGV (Fondazione Getulio Vargas).

Se la proprietà dei beni di consumo avvicina le tre classe media brasiliane, gli indicatori di reddito e l’istruzione ancora li allontanano.

Reddito e istruzione più alti sono, per esempio, caratteristiche che allontanano i brasiliani della classe media alta, dal momento che i confini tra i membri della media intermediaria e bassa sono più tenui.

Il reddito della classe media bassa è ancora, per esempio, superiore alla classe media intermediaria.

Tuttavia, i membri più giovani della classe media intermedia hanno migliori prospettive economiche per conto dei progressi educativi più significativi degli ultimi anni.

Questo gruppo è quello che più è cresciuto nell’ultimo decennio. Con 37 milioni di persone (di 16 o più anni), perde solo per gli esclusi, che ancora formano la più grande classe in Brasile, anche se si sono ridotti.

La vulnerabilità della nuova classe media è un problema che interessa le autorità.

“Stiamo cercando di pensare a politiche che aiutino queste persone a non tornare nella povertà, perché questo è un rischio”, ha dichiarato Diana Grosne, economista del Segretariato degli Affari Strategici della Presidenza della Repubblica.

Secondo lei, il governo sta ora lavorando ad una definizione ufficiale della classe media e, poi, si potrà dividerla in tre gruppi distinti per sviluppare politiche specifiche per le esigenze di ciascuna di loro.

Condividi questo articolo!
  • Facebook
  • Segnalo
  • oknotizie
  • Twitter

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>